Animali domestici e bambini: dritte per la giusta convivenza

Animali domestici e bambini: dritte per la giusta convivenza
4.3 (85%) 12 voti

bambini quale animale prendere

 

Portare un animale domestico nella propria casa è sempre un momento emozionante per una famiglia. Spesso la felicità e l’adrenalina di avere un piccolo cucciolo per casa fa dimenticare le responsabilità che si hanno verso di lui e verso i propri bambini.
Ma come riuscire a gestire una giusta convivenza tra i piccoli di casa? Ecco alcuni consigli utili per costruire un bel rapporto con gli animali domestici.

 

Accertatevi di non avere allergie

La prima cosa da fare è accertarsi che il tuo bambino non abbia allergie particolari, come al pelo di gatto, cane o del furetto, che possano mettere a repentaglio la sua salute. Il vostro medico si accerterà, in base ad alcuni esami, se voi o il vostro bambino siete potenzialmente allergici al pelo degli animali. Nel caso l’esito fosse negativo, l’arrivo del vostro nuovo compagno di vita avverrà in breve tempo. (Per la cronaca, ecco cosa potrebbe accadere in caso di allergia al coniglietto.)

Questi accertamenti sono importanti e vanno fatti prima dell’arrivo del animale, perché nel caso in cui gli esiti fossero positivi dovreste trovare una nuova sistemazione al vostro amico animale, cosa che non è sempre facile e spesso è dolorosa.

 

Insegnate al vostro animale regole precise

E’ importante per una buona convivenza insegnare fin da subito al vostro amico quattro zampe alcune regole basilari. Gli animali domestici, per quanto siano puliti e abituati a stare in casa (come i gatti), è bene non farli dormire nei vostri letti ne tanto meno nei lettini dei vostri bambini. Sono pur sempre animali e un atteggiamento diverso, un movimento che li possa mettere a disagio, può portare ad incidenti spiacevoli.

Fate in modo che abbia uno spazio tutto suo, come una cuccia o una piccola gabbia nel caso di furetti o conigli nani, dove possa stare comodo e tranquillo. Questo sarà il suo spazio, dove il vostro bambino potrà si andarlo a trovare, ma dovrà rispettare la sua “privacy”.
L’animale così potrà capire di avere un posto tutto suo, senza dover infrangere il divieto di dormire nella camera dei vostri bambini.

Insegnate fin da subito ai bambini di non dare da mangiare ai loro animali mentre siete a tavola: il cibo che state mangiando non è adatto a loro, in quanto potrebbe causargli dei problemi. Fate capire ai bambini che, anche se il vostro cane o gatto li guarda con occhi imploranti, non devono dargli da mangiare perché è pericoloso per la loro salute.

 

Curate il vostro animale costantemente

Un animale malato ha bisogno di cure e di tranquillità.
Ogni anno portate il vostro amico animale dal veterinario per un check up e provvedete alle vaccinazioni obbligatorie richieste. Questo lo manterrà in salute e sarà sempre bello scattante e pronto a giocare con voi e i vostri bambini.

Provvedete alla sterilizzazione se non volete altri cuccioli per casa. Il vostro veterinario vi spiegherà come procedere e come trattare il vostro animale da compagnia durante la convalescenza.

Fate attenzione anche agli altri animali, come suoi simili che possono trasmettergli malattie oppure mordere, e alle zanzare. Queste infatti possono portare al vostro animale malattie pericolose come la Filaria.

 

Amateli, coccolateli e giocate insieme

Quando un piccolo cucciolo arriva nelle vostre case, è importante insegnare ai bambini il rispetto verso di loro. Va bene giocare, ma un animale non è un gioco! E’ un compagno di giochi con cui divertirsi, quindi niente prese per la coda o per le orecchie!! Insegnate ai bambini ad amare gli animali, sia quelli domestici che non. Il rispetto per gli altri esseri viventi è importante!

Un bambino che cresce con un animale è un bambino socievole, che ha avuto l’opportunità di essere a contatto con valori come la fedeltà, il rispetto e la gratitudine.

L’amicizia tra un bambino e un animale è la cosa più bella al mondo.
Fate in modo che la convivenza sia bella e unica, nel rispetto dell’animale e del vostro bambino.

 

Ti potrebbero interessare...