Coniglio Testa di Leone

Coniglio Testa di Leone
3.9 (78.18%) 11 voti

coniglio leone nano

 

Probabilmente una delle razze più conosciute, ma se volete sapere qualche curiosità in più su questa razza amata dai bambini, leggete l’approfondimento qui presente e godetevi le fotografie dei bellissimi conigli testa di leone immortalati nelle immagini gallery qui sotto.

Il coniglio leone è originario del Belgio e non supera il chilo e 800 grammi.



Ha le orecchie dritte, gli occhi vigili e un pelo lungo che può presentare diverse colorazioni, ha una morbida criniera di folto pelo intorno al collo e alle guance (simile alla criniera di un leone), che ne mette in evidenza la testa.

È un coniglio dolce, dal carattere socievole ed espansivo ed è adatto per una famiglia con bambini, purchè questi non siano troppo piccoli.

Ama vivere con altri conigli ma non gli piace dividere il suo spazio con altri tipi di animali: va infatti abituato con calma sia alla presenza di un cane o di un gatto ed è sconsigliato lasciarli da soli in quanto entrambi potrebbero ferirlo.

Questa razza di coniglio è famosa per essere in grado di comunicare i suoi stati d’animo; se ad esempio sbuffa o soffia è nervoso, se dirigna i denti comunica malessere, se tamburella con le zampe posteriori è preoccupato, mentre sintomo di affetto, sono i piccoli colpi che dà con il muso sulla mano.

Il coniglio leone può vivere fino a 10 anni.

Ha orecchie molto sensibili e non vanno tirate, invece i denti crescono e deve mangiare molte fibre, fieno, pellet, erba e verdure fresche per evitare malocclusioni.

Non bisogna mai lasciarlo senza cibo perché si potrebbe agitare e va pettinato una volta la settimana.

Non bisogna lasciarlo sempre in gabbia, e può essere alloggiato sia in appartamento che all’esterno e la cosa migliore sarebbe una casa che gli consenta di vivere in tutta sicurezza sia dentro che fuori così può godere anche dell’erba e del sole.

 
Coniglio leone – Foto
I dettagli poco valgono quando siamo in sua presenza o ammiriamo una delle sue fotografie. Gustiamocele una dopo l’altra e perchè no, magari facciamo un pensierino se vale la pena di adottarne uno.
 


 

Ti potrebbero interessare...